Rieducazione Motoria

Con il termine rieducazione motoria si intendono tutte quelle tecniche che servono per migliorare o riprendere una efficace coordinazione della muscolatura del pavimento pelvico e addominale impiegata nelle fasi della defecazione o della contenzione fecale oppure della minzione o della contenzione urinaria. Patologie come la dissinergia addomino pelvica, l'anismo o il vaginismo si giovano di queste tecniche riabilitative volte al ripristino di una corretta funzione muscolare.

In questo tipo di rieducazione muscolare vengono di solito impiegate le tecniche di biofeedback pressorio ed elettromiografico oltre all'elettromiografia di superfice ed all'utrasuono terapia.

Parallelamente a queste tecniche rivolte alla funzione muscolare vengono spesso (se necessario) utilizzate anche tecniche rivolte al miglioramento della sensibilità rettale (rieducazione volumetrica) ed al miglioramento dinspecifiche abitudini di vita (toilette training).

In presenza di una condizione di anismo o vaginismo cronica con un forte spasmo muscolare è di solito necessario un pretrattamento volto alla correzione dello spasmo (ultrasuoni, farmaci miorilassonti, tossina botulinica, stretching) prima di porter rieducare i muscoli alla corretta finzione.

 

La rieducazione motoria dovrebbe, se possibile, rappresentare sempre il primo step terapeutico in presenza di una dissinergia o di una condizione di anismo-vaginismo anche se sono presenti alterazioni anatomiche che vanno corrette chirurgicamente. 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Centro Pontino del Pavimento Pelvico 2016