Incontinenza Fecale

Per incontinenza fecale si intende la perdita involontaria di gas o peggio materiale fecale o l'incapacità di ritardare l'evacuazione fino al momento o alla sede più idonea. Non va considerata di per sé come una "patologia" bensì come un "sintomo" in quanto un certo grado di incontinenza può essere fisiologicamente presente nel bambino, nell'anziano o anche nell'adulto in particolari e temporanee condizioni che modificano la velocità di transito o la consistenza delle feci (diarrea). L'incontinenza fecale, soprattutto quando presente nell'adulto, incide pesantemente sulla qualità di vita del paziente con pesanti ripercussioni sulla qualità di vita.

 

Alla base dell'incontinenza fecale vi possono essere varie cause come:

 

  • Alterazioni qualitative e/o quantitative delle feci (diarrea).

 

  • Lesioni del complesso muscolare sfinteriale in seguito a interventi ostetrici, interventi proctologici (fistulectomia, emorroidectomia, sfinterotomia) oppure a causa delle terapie radianti o per interessamento diretto degli sfinteri da parte di neoplasie del retto o dell'ano.

 

  • Alterazione del volume dell'ampolla rettale in seguito ad interventi chirurgici o per interessamento diretto o compressione estrinseca da parte di neoplasie rettali o di altri organi pelvici.

 

  • Lesioni anatomiche e/o funzionali delle strutture nervose preposte al controllo dei muscoli sfinteriali (neuropatia del pudendo, lesioni spinali o cerebrali, diabete)

 

Hai avuto un episodio di incontinenza e vuoi sapere se è utile eseguire una visita,

esegui il test

Da un punto di vista sintomatico possiamo avere un quadro eterogeneo di situazioni "sgradevoli" che vanno dalla urgenza evacuativa, generalmente legata ad una ridotta capacità dell'ampolla rettale e/o ad una lesione del muscolo sfintere esterno (volontario) ad una incontinenza permanente in cui si riconoscono maggiormente lesioni dello sfintere interno (involontario). 

 

Esistono vari sistemi per la valutazione del grado di incontinenza che tengono conto sia del tipo di "perdita" lamentata dal paziente (feci solide, liquide o gas) sia della frequenza con cui il sintomo si verifica. (clicca accanto per il test)

Trattamento dell 'incontinenza fecale mediante

Rigenerazione Tissutale

Diagnosi

 

Gli esami utili alla diagnosi e alla caratterizzazione dell'incontinenza fecale sono:

 

Manometria Ano-Rettale

 

Elettromiografia Rettale

 

Ecografia Transanale

 

RM pelvica

 

Defecografia (meglio se con RM)

 

 

 

 

Terapia

 

La terapia dell'incontinenza fecale è rivolta a correggere le alterazioni anatomico-funzionali che sono alla base della patologia. Esistono diverse metodiche di trattamento dell'incontinenza fecale che vanno valutate caso per caso utilizzando quella o più spesso quelle più idonee alla specifica situazione. Queste sono:

 

 

Riabilitazione del Pavimento Pelvico

Questa metodica è rivolta al miglioramento del tono e della resistenza dei muscoli della continenza oltre che del miglioramento della coordinazione di questi muscoli. 

 

 

Utilizzo di Bulking Agent 

Questa tecnica prevede l'aumento dello spessore dello sfintere anale introducendo tra le fibre muscolari delle sostanze o delle protesi. L'aumento dello spessore va a ridurre il calibro del canale anale compensando il deficit di chiusura dei muscoli.

 

 

Rigenerazione Tissutale

Questa metodica derivata dalla medicina rigenerativa prevede l'infiltrazione del tessuto muscolare sfinterico con un preparato a base di cellule staminali multipotenti derivate dal tessuto grassoso arricchite con fattori di crescita di derivazione piastrinica. Questa procedura relativamente poco invasiva consente di aumentare il volume sfinterico (agendo come bulking agent) ma soprattutto di rigenerare il tessuto muscolare sfinterico.

 

 

Neuromodulazione Sacrale

Questa tecnica prevede l'impianto di una specie di Pace Maker a livello dell'emergenza dei nervi sacrali. Attraverso una continua stimolazione elettrica si ottiene l'aumento del tono sfinterico.

 

 

Chirurgia

La terapia chirurgica dell'incontinenza fecale è riservata ai casi in cui vi sia la necessità di ricostruire o ricongiungere lo sfintere lesionato (SFINTEROPLASTICA) oppure in singoli casi in cui sia necessario modificare o ripristinare l'anatomia del retto.

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Centro Pontino del Pavimento Pelvico 2016